Maglieria

Un maglione che è la perfetta combinazione tra comodità e traspirabilità. Un pullover creato per essere indossato a strati, ma può benissimo essere indossato anche da solo. Cardigan, giubbini con cappuccio e maglioni morbidi al tocco e altrettanto versatili, stagione dopo stagione.

Questi capi di maglieria si adattano a te, per una vita oltre i confini.

Manifattura

Tutta la maglieria, inclusi i modelli HyBridge® distintivi che integrano piumino e lana merino, è realizzata con meticolosità dai migliori artigiani. I nostri capi di maglieria sono interamente modellati e realizzati, da cima a fondo, come indumento in un unico pezzo per migliorare la vestibilità e la qualità.

Thermal Mapping™

Calore dove hai bisogno di caldo e traspirabilità dove hai bisogno di fresco. Ecco la tecnologia Thermal Mapping in sintesi. Sui nostri modelli HyBridge, ciò si traduce in nylon antivento che protegge il centro del corpo e pannelli in piumino isolante che intrappolano il calore verso il corpo. In tutti i nostri capi di maglieria viene utilizzata una maglia aperta più traspirante nelle aree che tendono a surriscaldarsi: ad esempio sotto le braccia e nella parte posteriore del collo.

Lana merino

La lana merino è una fibra tecnica naturale che si adatta per natura ad ampie variazioni della temperatura. Ciò significa che ti tiene al fresco quando è caldo e al caldo quando è fresco. Una singola fibra di lana merino può assorbire fino al 30% del proprio peso in acqua prima di trasmettere una sensazione di umidità al corpo. Inoltre, gestisce attivamente l'umidità assorbendola dalla pelle e rilasciandola quindi nell'atmosfera, lasciando una sensazione di asciutto e comfort persino durante l'attività sportiva.

L'outdoor artist Alice Pasquini indossa il nostro giubbino con cappuccio in maglia trapuntata WindBridge®. Scopri di più sulla sua storia qui.

Tecnologia che aumenta la resistenza

Questa sapiente struttura rinforza le aree soggette all'abrasione, ad esempio gomiti e spalle nei punti dove poggiano le cinghie dello zaino, con tessuti e fili duraturi per maglioni che durano stagione dopo stagione.

Maglia trapuntata

La maglia trapuntata, un'innovazione di questa stagione, crea uniformemente vuoti d'aria tra lo strato esterno e quello interno, intrappolando il calore verso il corpo per aumentare il caldo dove ne hai bisogno.

Vivi
all'aperto

Quando si vive con coraggio, si trova la grandezza in sé e negli altri.

Per l'outdoor artist Alice Pasquini ciò significa sostenere i contributi delle donne in un campo dominato dagli uomini. “Non c'era un punto di vista femminile nel mondo dei graffiti”, afferma Alice. “Volevo portare in strada un genere di linea poetica, meno sfrontata utilizzando una bomboletta spray per raffigurare donne reali. Firmarmi con il mio vero nome è stata un'idea folle, ma volevo veramente dimostrare alle altre ragazze che era una donna [a creare questa arte]”.

alice pasquini
alice pasquini

La sua scelta coraggiosa è stata ripagata. Alice è un'affermata artista che ha creato opere su commissione da Marrakech a San Paolo e Roma, dove vive e lavora. La sua più grande passione è però sfruttare il potere dell'arte per arricchire la sua comunità. Abbiamo filmato Alice nel corso del suo viaggio di ritorno al paesino del Molise dove nacque suo nonno e dove oggi il lavoro di questa artista sta avendo un notevole impatto visivo. “Ho iniziato a dipingere sulle case disabitate scene dell'antica vita della cittadina, basandomi su vecchie immagini.

L'ho fatto per amore”, dichiara. “Pensavo che forse avremmo potuto richiamare i ragazzi. Forse avremmo potuto ripagare le persone che qui stanno sopravvivendo”. Tale intento si è evoluto in un festival incredibilmente popolare della street art che ha portato il turismo a Civitacampomarano e ha rivitalizzato quello che una volta era un paese morente.

Il racconto di Alice è soltanto il primo capitolo della storia di questa stagione di persone che vivono la loro vita all'aperto. Continua a seguirci per saperne di più...

La sua scelta coraggiosa è stata ripagata. Alice è un'affermata artista che ha creato opere su commissione da Marrakech a San Paolo e Roma, dove vive e lavora. La sua più grande passione è però sfruttare il potere dell'arte per arricchire la sua comunità. Abbiamo filmato Alice nel corso del suo viaggio di ritorno al paesino del Molise dove nacque suo nonno e dove oggi il lavoro di questa artista sta avendo un notevole impatto visivo. “Ho iniziato a dipingere sulle case disabitate scene dell'antica vita della cittadina, basandomi su vecchie immagini. L'ho fatto per amore”, dichiara. “Pensavo che forse avremmo potuto richiamare i ragazzi. Forse avremmo potuto ripagare le persone che qui stanno sopravvivendo”. Tale intento si è evoluto in un festival incredibilmente popolare della street art che ha portato il turismo a Civitacampomarano e ha rivitalizzato quello che una volta era un paese morente.

Il racconto di Alice è soltanto il primo capitolo della storia di questa stagione di persone che vivono la loro vita all'aperto. Continua a seguirci per saperne di più...